Ultima modifica: 10 ottobre 2017

Progetto -1=1000

LOGO meno 1 uguale 1000

PRESENTAZIONE MULTIMEDIALE:  IL PROGETTO -1=1000 Primo anno di sperimentazione

Leggi l’articolo del giornale “Interno 28” di Vincenzo Caramadre 

ARTICOLO

Di seguito il testo dell’articolo comparso sul giornale: “L’Inchiesta”

Con gioia e con grande emozione il Dirigente Scolastico Dott.ssa Rita Cavallo ha  rivolto  un saluto affettuoso e cordiale a tutti gli  illustri ospiti che hanno ritagliato, dai  loro numerosi impegni, del tempo prezioso per dedicarlo a questo evento ed ai ragazzi del

Comprensivo 2° di Pontecorvo: il Dott. Gennaro Palmisciano  in rappresentanza del Dott. Gildo De Angelis Direttore generale USR Lazio; il Dott. Pierino Malandrucco, Dirigente vicario Ufficio 7° ATP Frosinone, il Presidente della Banca Popolare del Cassinate Dott. Donato Formisano. Quest’ultimo, insieme a S.E. il Prefetto di Frosinone Dott.ssa Emilia Zarrilli, il 3 Giugno dello scorso anno sono stati presenti alla presentazione del  Progetto.

Presenti anche il Sindaco di Pontecorvo Dott. Anselmo Rotondo, il Vice Sindaco Moira Rotondo e l’Assessore alla P.I. Avv. Armando Satini;  Il Sindaco di Pico, Dott.ssa Ornella Carnevale, le associazioni locali e territoriali: Multiservizi, Pro Loco, le Autorità militari, i rappresentanti dei genitori, il Consiglio di Istituto, i fiduciari dei plessi.

Gli illustri ospiti sono stati accolti, all’ingresso, dagli alunni dei tre ordini di Scuola dei Comuni di Pontecorvo, Pico e San Giovanni, con un festante sventolio di tricolori e un’allegra coreografia con le bandiere d’Europa, d’Italia e della Pace.

I Baby Sindaci dei tre comuni hanno letto il messaggio di benvenuto alle autorità e donato un biglietto a nome degli alunni e dei docenti;  tre bimbi della Scuola dell’Infanzia di Pico, Pontecorvo e S.Giovanni  hanno mostrato il simbolo del tema utilizzato dalle  loro insegnanti  per coinvolgerli consapevolmente al Progetto. Subito dopo, nell’Auditorium, tutti gli illustri ospiti sono stati accolti da un fragoroso applauso, dall’Inno d’Europa e, successivamente, quello Nazionale, diretti dai maestri di musica Prof. Pasquale Aiezza e Cristina De Bernardis. Il Dirigente Scolastico ha emozionato i numerosi presenti con il suo discorso introduttivo:

Perché un Progetto “Meno uno uguale Mille”? Che matematica è questa? E’ la matematica dell’amore! Dell’amore per i ragazzi. Ad educare con quell’amore i ragazzi e a far loro capire che le sfide che incontreranno nella vita le devono affrontare con coraggio. Dipende dallo spirito di intraprendenza che la Scuola riesce a trasmettere. “Dietro le cose così come sono, c’è anche la speranza di come dovrebbero essere”. C’è un’altra realtà e su quella realtà che noi vorremmo, che noi immaginiamo, è lì che la Scuola deve costruire quella matematica dell’amore. Per amore si intende  professionalità, entusiasmo, impegno…senza amore non si va da nessuna parte. Una scuola che sa trasmettere il proprio impegno professionale a tutti i livelli, amore e passione per i ragazzi che, dalla cultura del lamento devono crescere nella cultura dell’azione. Invece di dire: “Che ci posso fare se…” devono dire: “cosa posso fare per…” La matematica dell’amore dice “Meno uno uguale Mille”. Questo Progetto è investire sulla creatività, sul pensiero divergente, sulla capacità progettuale. Immaginare, sognare quello che si vorrebbe e, la Scuola, ha il dovere, tutti abbiamo il dovere, di aiutare le nuove generazioni a sognare. Tutto questo sta dentro Cittadinanza e Costituzione, sta dentro l’Educazione alla Legalità, sta dentro allo spirito imprenditoriale e ci aggiungiamo un tassello importante che è l’Educazione Finanziaria: i giovani sono a digiuno di questa cosa, i dati statistici ci dicono anche questo. Riusciamo con questo progetto a colmare tantissime cose: è una piccola cosa ma la Scuola  deve  aiutare a crescere forte, cominciando anche con il fare piccole rinunce. Perché devo rinunciare a qualcosa? Devo fare una piccola rinuncia per un sogno più grande, come si realizza un sogno grande? Tutti  Insieme! “Meno uno uguale mille”  significa meno 1 euro al mese,  per mille  alunni, se ogni alunno si priva di qualcosa a cui tiene, non con leggerezza, non con indifferenza ma imparando a saper rinunciare, saper  gestire una piccola frustrazione perché è così che si cammina nella vita che non è sempre pianeggiante. Rinunciare a qualcosa ogni mese, diventa un impegno di responsabilità,  un patto,  un impegno da rispettare,  poi si raccolgono i dati e,  infine,  devono immaginare, con quell’euro al mese, a cui  ho rinunciato,  ho sofferto un poco ma mi darà un sogno, qualcosa per la Scuola che non ci possiamo permettere.             Allora i ragazzi imparano a progettare, imparano che il mondo cambia e si costruisce anche senza risorse, perché le risorse più grandi, quelle più vere stanno dentro di noi: la nostra intelligenza, la nostra sensibilità, la nostra competenza, i valori in cui crediamo, se crediamo che la  Scuola sia importante, anche senza risorse ci riusciremo, a patto che siamo coinvolti in tanti.

C’è una comunità,  alunni, docenti, genitori, ci sono le Autorità, il territorio, che ci sostengono nel nostro cammino del coraggio, perché ci vuole coraggio a incamminarsi sulle cose nuove, ma se le persone non sono coraggiose il mondo non cambia. La  politica scolastica dell’Istituto Comprensivo 2  ha un obiettivo grande, ambizioso: la  Scuola che deve insegnare a sognare, che deve convincere i ragazzi che dietro a tutto quello che arriva loro di brutto, c’è un mondo bello che si può costruire insieme, con piccole cose, 1 euro  è un gesto, è un simbolo…mille euro diventano un sogno che si può realizzare, costruito nel tempo.

Il Progetto di Educazione finanziaria – ha spiegato la referente Anita Romanelli nel suo intervento – è nato il 3 giugno 2016 con lo scopo di rendere gli alunni cittadini consapevoli, capaci di immaginare e progettare il futuro in relazione ai cambiamenti che la società ci propone, nello spirito di iniziativa e di intraprendenza. Le proposte educative portate avanti tutto l’anno hanno avuto come valore didattico l’importanza del risparmio, il valore della rinuncia a piccole cose. Sostenuto dall’intera scuola che  ha contribuito al raggiungimento di obiettivi pianificati come costruire ambienti di apprendimento più motivanti e stimolanti.

La Cittadinanza attiva è stata collegata al curricolo scolastico  mediante la didattica per competenze  che ha permesso di superare l’insegnamento disciplinare tradizionale. Gli studenti sono stati messi davanti a compiti autentici che hanno stimolato il pensiero divergente, porsi delle domande, formulare ipotesi, risolvere problemi. Ora, alla fine dell’anno scolastico, i tre Consigli Comunali dei ragazzi hanno fatto il  bilancio, fatto versamenti  presso la Banca Popolare alla presenza del Dott. Formisano, e hanno deciso, dopo aver fatto sondaggi nei rispettivi Comuni di appartenenza, come spendere le somme raccolte. Cosa ci faranno? Aiuteranno a fare buona Scuola! Le Scuole di S.Giovanni e Pico hanno allestito, grazie al Progetto “Meno 1 uguale mille”, il laboratorio linguistico e lo hanno fornito di tablet, cuffie e software didattici; la Scuola di Pontecorvo ha allestito due aule didattiche all’aperto, un parco letterario  e un laboratorio scientifico. Gli alunni del Consiglio comunale dei ragazzi, curati anche dai referenti del Progetto CCR di Pico e San Giovanni: Marinella Piacitelli e Marco Farina, hanno di seguito illustrato il percorso del progetto durante tutto l’anno scolastico.

Un plauso al Dirigente Scolastico, dott. Rita Cavallo per  l’intuizione e la promozione di questo importante progetto innovativo e all’avanguardia dalle molteplici valenze formative. Sicuramente c’è tanto da fare per migliorare, ma noi siamo orgogliosi della riuscita di questo primo anno di sperimentazione e dei risultati ottenuti.

I complimenti  al Dirigente e a tutto il  2 Comprensivo di Pontecorvo sono venuti dall’Ispettore  Palmisciano e dal Dott. Malandrucco per la sperimentazione di un Progetto di notevole valenza educativa e di non facile realizzazione. L’Educazione Finanziaria è un’importante compito che la Scuola si è prefisso e alla Dottoressa Cavallo va il merito di aver collegato la Cittadinanza attiva con il curriculum scolastico. Un augurio quindi per il proseguimento del Progetto e per la realizzazione dei progetti avviati nella trasmissione dei fondamentali valori che sostengono una società civile.

Anche il Sindaco di Pontecorvo Dott. Anselmo Rotondo nel suo intervento ha considerato  bellissimo il Progetto “Meno 1 uguale Mille”, che, sicuramente serve a coadiuvare nella realizzazione di quanto occorre ai nostri studenti perché la Scuola è una delle priorità anche dell’Amministrazione.  Il Progetto, così dettagliatamente pensato, ha un alto valore educativo, e rivolge i complimenti al Dirigente, ai docenti che hanno saputo trasmetterlo e soprattutto agli alunni che  ne hanno capito l’alto valore educativo. L’ Assessore Satini ha aggiunto che siamo in un periodo caratterizzato da una forte crisi  economica ed è importante dare ai ragazzi un’educazione finanziaria, educare al valore del denaro e a quello degli acquisti, questa educazione deve passare necessariamente tramite la Scuola che raggiunge le famiglie tramite gli alunni. Quindi sottolinea la notevole importanza e valenza del Progetto “Meno 1 uguale Mille”.

Il Vice Sindaco Moira Rotondo, in qualità assessore alla Cultura ritiene che si debba sempre investire nella cultura e, quando le risorse pubbliche non bastano, viva la finanza creativa e questo progetto ne è la rappresentazione reale, che educa ai grandi valori le nuove generazioni mentre, contemporaneamente, realizza cultura. Non è assolutamente facile, soprattutto in questo periodo di crisi, pertanto ben vengano queste iniziative, un plauso quindi alla lungimiranza del Dirigente Scolastico e alla disponibilità della Banca, nella persona del Presidente Formisano che deve essere vicino non solo alle Amministrazioni ma anche alla Scuola. Anche il Presidente della Banca Popolare del Cassinate, dott. Donato Formisano, nel suo breve saluto oltre a ringraziare con parole di elogio  il Dirigente, plaude all’iniziativa che lo ha affascinato e interessato fin dal suo nascere e si rende disponibile nei confronti della Scuola per tutte le attività.

Gli interventi nel corso della mattinata sono stati intervallati, in momenti diversi, da intermezzi musicali e coreografici di alcune classi della Scuola Primaria, dell’Infanzia e della Scuola Secondaria che hanno dato vita a tematiche inerenti il risparmio energetico, l’Euro e le emozioni, con balli e canti preparati con cura e professionalità dalle docenti dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di Pontecorvo, nel corso delle attività interdisciplinari, laboratoriali e di potenziamento.

Al termine, all’esterno, nel giardino della Scuola Secondaria di primo grado, il Dirigente Scolastico con l’Ispettore Palmisciano e il Dott. Malandrucco hanno effettuato il taglio del nastro inaugurando le aule didattiche e il laboratorio scientifico all’aperto.

Un sentito ringraziamento al Dirigente Scolastico del Secondo Istituto Comprensivo di Pontecorvo per il forte impulso alla crescita della Scuola e la grande opportunità educativa, formativa e professionale che offre a docenti ed alunni. Un caloroso grazie va a quanti, alunni, genitori, docenti, collaboratori e personale amministrativo, Comune e territorio, si sono adoperati con passione alla realizzazione dell’evento.

E’ stata un’esperienza bella, ha concluso il Dirigente Rita Cavallo,  non sapevamo che risposte avremmo avuto perché era troppo  innovativa: il mio timore più grande era che si svilisse questa esperienza, che  venisse percepita come “diamo 1 euro alla Scuola perché è povera”, forse siamo poveri di strumenti, ma noi siamo ricchi, siamo ricchi di amore per i ragazzi, ricchi di sogni, di coraggio, non siamo poveri. Quello era il pericolo più grande, ma non è successo. C’è stata la partecipazione corale e questo credo che sia un grande obiettivo raggiunto, che non è solo della Scuola, noi abbiamo dei progetti innovativi che escono fuori dai binari, come la Banca delle Risorse che non è estraneo al Progetto di Cittadinanza Attiva,  perché tante cose che siamo riusciti a realizzare anche oggi è grazie alle mamme, ai genitori, a volontari della comunità, l’Amministrazione, l’ASM, alle associazioni locali, c’è una comunità che partecipa perché la Scuola appartiene a tutti, il futuro appartiene a tutti.


Cos’è il progetto “Meno 1 = 1000?”

Il progetto “Meno 1 = 1000” promosso dal nostro Dirigente Scolastico, Dott.ssa Rita Cavallo. L’idea progettuale nasce e si armonizza con la  missionvision della scuola, che  sempre pone al centro del processo educativo  i cittadini del domani rendendoli protagonisti attivi e intraprendenti,   capaci di immaginare e progettare un altro futuro, imparando a trasformare le sfide in opportunità. E’ compito specifico della scuola porsi, sempre, traguardi che tendono verso un ideale desiderabile, verso  ciò che  non è, ma che potrebbe essere e dovrebbe essere  e richiama  il mondo degli adulti ad  impegnarsi per far sì che i ragazzi possano trovare stimoli a  perseguire con fiducia e coraggio   la rotta che  porta alla realizzazione di ambizioni traguardi.

“Dietro le cose così come sono c’è anche  una promessa, l’esigenza di come dovrebbero essere; c’è la potenzialità di  un’altra realtà,  che  preme   per venire  alla  luce, come   la  farfalla  nella crisalide. Utopia   e   disincanto anziché  contrapporsi,  devono sorreggersi a vicenda.”    


Di seguito è possibile ammirare le foto del parco letterario e laboratorio scientifico con lo stagno, realizzati nel giardino della Scuola Secondaria di I grado di Pontecorvo con il progetto “Meno 1 = 1000” e la collaborazione dell’ASM ed Amministrazione Comunale di Pontecorvo.


PROGETTO di CITTADINANZA ATTIVA ” -1 = 1000″

Martedì 7 Febbraio alle ore 15.00  gli studenti baby Sindaci delle Scuole dell’Istituto Comprensivo 2 di Pontecorvo (Melissa Spiridigliozzi per Pontecorvo, Emanuele Battaglini per San Giovanni Incarico, Noemi Mancini per Pico) accompagnati dal Dirigente dott.ssa Rita Cavallo ed i docenti Romanelli Anita, Piacitelli Marinella e Farina Marco si sono recati presso la Banca Popolare del Cassinate – Agenzia di Pontecorvo  per versare le somme risparmiate nei mesi di Novembre e  Dicembre 2016, Gennaio 2017 per il progetto di educazione finanziaria « -1=1000 ».

Presso la suddetta Filiale hanno incontrato il Presidente della Banca dott. Donato Formisano che ha salutato tutti gli intervenuti e li ha ringraziati per la fiducia da loro riposta nella banca che lui si onora di presiedere.

Il progetto “ – 1= 1000 ” nasce allo scopo di insegnare l’Educazione finanziaria al fine di costruire quella cultura e quel futuro per rendere gli studenti cittadini consapevoli, in grado di immaginare e progettare il proprio futuro in relazione ai cambiamenti della società, che chiede spirito di iniziativa ed intraprendenza.

L’ Istituto Comprensivo 2 di Pontecorvo ha presentato il progetto il 3 Giugno 2016 nell’ Auditoriun della scuola Secondaria di I grado di via Aldo Moro, alla presenza di Sua Eccellenza Dr.ssa Emilia Zarrilli, prefetto di Frosinone, il Presidente della Banca Popolare dott. Donato Formisano, delle Forze dell’Ordine, dei Sindaci dei tre Paesi dell’ Istituto e delle Autorità Locali.

Il fine ultimo del progetto “- 1=1000”: fare piccole rinunce per costruire ambienti di apprendimento sempre più stimolanti e motivanti per gli alunni/studenti e per concretizzare sogni sempre più ambiziosi.

L’ elemento chiave del progetto è il collegamento dell’educazione alla cittadinanza attiva con il curricolo scolastico grazie alla didattica per competenze, che permette di avere una  prospettiva innovativa per superare l’assetto disciplinare, tradizionale e trasmissivo dell’insegnamento e attivare percorsi formativi che mettano lo studente in grado di impadronirsi delle risorse intellettuali e degli strumenti necessari per rendere operativi e spendibili i saperi appresi.

Il progetto prevede attività in cui lo studente è  impegnato in compiti concreti e autentici che lo portano a porsi e a risolvere problemi, a formulare ipotesi, ad approfondire alcuni elementi e soprattutto ad attivare le proprie risorse per arrivare al risultato utilizzando strategie che richiedono l’applicazione del pensiero divergente.


IL 3 GIUGNO 2016,

Alla presenza di Sua Eccellenza EMILIA ZARRILLI  PREFETTO DI FROSINONE,  il Presidente della Banca Popolare del Cassinate, il dott. DONATO FORMISANO, delle FORZE DELL’ORDINE e delle AUTORITA’ LOCALI,

L’ISTITUTO COMPRENSIVO 2° DI PONTECORVO  HA PRESENTATO IL PROGETTO DI EDUCAZIONE FINANZIARIA

Progetto “meno 1 = 1000”

Immagine5

promosso dal nostro Dirigente Scolastico, Dott.ssa Rita Cavallo. L’idea progettuale nasce e si armonizza con la  missionvision della scuola, che  sempre pone al centro del processo educativo  i cittadini del domani rendendoli protagonisti attivi e intraprendenti,   capaci di immaginare e progettare un altro futuro, imparando a trasformare le sfide in opportunità. E’ compito specifico della scuola porsi, sempre, traguardi che tendono verso un ideale desiderabile, verso  ciò che  non è, ma che potrebbe essere e dovrebbe essere  e richiama  il mondo degli adulti ad  impegnarsi per far sì che i ragazzi possano trovare stimoli a  perseguire con fiducia e coraggio   la rotta che  porta alla realizzazione di ambizioni traguardi.

“Dietro le cose così come sono c’è anche  una promessa, l’esigenza di come dovrebbero essere; c’è la potenzialità di  un’altra realtà,  che  preme   per venire  alla  luce, come   la  farfalla  nella crisalide. Utopia   e   disincanto anziché  contrapporsi,  devono sorreggersi a vicenda.”     

Presentazione del progetto “meno 1=1000” e dell’evento.

Il progetto-meno-1-1000

Galleria fotografica